Lets Ecoparty

Cos'è il riciclo creativo

E-mail Stampa PDF

Per affrontare il problema dello smaltimento dei rifiuti ci ispiriamo alla filosofia delle 4 R:
- riduzione dei rifiuti;
- riutilizzo dei materiali;
- riciclaggio della materia;
- recupero.

In tutto il mondo si respira una nuova linea di tendenza: dare una seconda vita agli oggetti realizzando creazioni originali, colorate ed accattivanti, invece che farli diventare banali rifiuti. Su internet sono centinaia i siti ed i blog in cui vengono mostrate idee e istruzioni per creare simpatici oggetti senza spendere molto.
Posacenere da lattine di birra, collane da tasti di vecchi pianoforti, portariviste e astucci da bottiglie di plastica, comodini da cassette della frutta, borse e portamonete da contenitori di latte e succhi di frutta, casette per uccellini da vecchi scarponi in cuoio, case da bottiglie di vetro, bed and breakfast da autobus abbandonati: sono solo alcuni degli strabilianti esempi di riciclo creativo di oggetti altrimenti destinati a diventare spazzatura.


old tv porta oggetti 2Vecchi televisori trasformati in piccole librerie ed acquari


Il riciclo creativo è ormai più di una moda: è un nuovo costume che esalta il valore del risparmio, della cura delle cose, del rispetto dell’ambiente. Una bottiglia di plastica per distruggersi ci mette 450 anni in mare, da 100 a 1000 anni sulla terra; un giornale 6 settimane in acqua, da 4 a 12 mesi sulla terra; un contenitore di polistirolo, invece, ci impiega 50 anni.

Per chi non lo sapesse, i rifiuti costituiscono isole galleggianti, il cosiddetto Pacific Trash Vortex (2500 Km di lunghezza per 30 metri di profondità, composto per l’80% da plastica), e corrompono interi ecosistemi. Il riciclaggio creativo, forse, non sarà la soluzione, ma una risposta, tra le tante valide, possibile.

Vogliamo guardare ai nostri rifiuti in un’ottica di rinascita creativa, per dare valore a tutto ciò che, non utilizzato e valorizzato, passerebbe direttamente alla raccolta differenziata, allungando così la vita dei materiali, valorizzando l’idea della loro continua trasformazione, per sensibilizzare forme di comportamento volte a superare l’atteggiamento consumistico dell’usa e getta.